Due siciliani tra i “30 under 30” più influenti d’Europa. Ecco perché

Due siciliani tra i “30 under 30” più influenti d’Europa. Ecco perché
28 gennaio 2018

Il giovane medico siciliano Giuseppe Cicero, classe 1990, padre di Caltanissetta (con studio anche a Marsala) e madre palermitana, è stato nominato lunedì scorso a Londra dalla prestigiosa rivista Forbes nella “Under 30 Europe List”, la lista dei 30 under 30 più influenti in campo medico a livello Europeo.

Il Dottor Cicero è laureato con lode all’Università degli studi di Tor Vergata, facoltà di Medicina e Odontoiatria a Roma. In seguito è stato accettato nel programma di Parodontologia post laurea alla New York University dove ha frequentato 3 anni di Chirurgia parodontale e impiantare.

È stato selezionato  da Forbes per l’anno 2018, poiché considerato uno di quei giovani che, «grazie alla ricerca e all’utilizzo di nuove tecnologie stanno partecipando al cambiamento della medicina».
Cicero, che oggi lavora tra Roma New York e Madrid, dove possiede una cattedra all’Università Europea, ha ideato e sviluppato insieme ala marsalese  Martina Ferracane (ricercatrice di politiche pubbliche, anche lei premiata da Forbes) una start-up chiamata Oral 3D che sta permettendo a dentisti di tutto il mondo l’utilizzo di strumenti di ultima generazione come la stampante 3D per la ricostruzione ossea, fino a poco fa utilizzati solo in pochissimi studi dentistici visti i costi elevati sia per i medici che per i pazienti.

«Il dottor Giuseppe Cicero con il suo impegno è uno dei giovani protagonisti che stanno determinando il cambiamento della medicina non solo attraverso l’introduzione di strumenti tecnologici ma anche grazie all’utilizzo di un nuovo modo di comunicare con i pazienti. Il suo sogno è quello di dare a tutti la possibilità di sottoporsi a cure fino ad oggi economicamente inaccessibili e soprattutto ridare il sorriso a pazienti che hanno subito subito traumi derivanti da incidenti o da malformazione genetiche».

GIUSEPPE CICERO, 28 ANNI, E MARTINA FRANCESCA FERRACANE, 27, COFOUNDER DI ORAL3D

«LE SOLITE IMMAGINI 2D GENERATE DALLE SCANSIONI CT NON SONO IL MASSIMO PER I DENTISTI CHE CERCANO DI PREPARARSI A FARE UN INTERVENTO CHIRURGICO E SPIEGARE AI PAZIENTI COSA FARANNO» SI LEGGE SU FORBES. ORAL3D PERMETTE DI CREARE MODELLI STAMPATI IN 3D IN MENO DI UN’ORA. L’IDEA È DEL GIOVANE MEDICO CICERO E DELLA RICERCATRICE FERRACANE



Leggi anche

Commenti

www.ShopRicambiAuto24.it

Succede