domenica, aprile 18

Governo Draghi: speriamo in un nuovo Einaudi e un nuovo Piano Marshall

Condividi

John Maynard Keynes, nell’anno 1933, osservava: se il sistema liberale non avrà la capacità di risolvere i problemi della disoccupazione, dell’instabilità valutaria e dell’inflazione, l’attrazione dei sistemi sovietico, fascista, nazista diverrà irresistibile” (citazione di Sabino Cassese su Lettura del 31 Gennaio 2021).

Governo Draghi: speriamo in un nuovo Einaudi e un nuovo Piano Marshall

Libertà e Sicurezza la cui relazione dialettica è parte inalienabile della condizione umana (Zigmunt Bauman, citato sul Corriere della Sera, 8 Febbraio 2021 da Goffredo Buccini); “quando il livello di guardia della paura viene superato, fino a farci sentire minata la nostra sicurezza e quella delle persone che amiamo, siamo disposti a cedere quote via via significative di Libertà”. Ciò che potrebbe “accadere ai nostri posti di lavoro, alle scuole dei nostri figli e nipoti, ai nostri risparmi ed all’efficienza degli apparati dello Stato, nell’anno 2021 può indurre ben più che una reazione di paura nella nostra comunità.”; potrebbe far risuccedere una spasmodica richiesta di sicurezza ancorche a fronte di una proporzionale riduzione di Libertà.

Per bilanciare Sicurezza e Libertà, come pure Sicurezza e Democrazia i rimedi sono nella Costituzione; mentre i rimedi per bilanciare Globalizzazione e Sicurezza sono inscritti nella “Costituzione Globale”; dunque, ci sono; basta saperli e volerli adoperare (ancora Sabino Cassese, idem);.

Non guardiamo da altre parti: ancora oggi, questa è la posta in gioco, con altri nomi ed altri protagonisti e sarebbe giusto che il nuovo Governo ne tenesse conto nella sua azione.

Donde l’opportunità di aprire questa Riflessione con un profondo ringraziamento al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella per il fatto di essere il Presidente che è.

E’ interessante concordare con Concita De Gregorio quando afferma che è la semantica la manifestazione della distanza simbolica tra il linguaggio del Presidente della Repubblica e del Presidente incaricato e quello di chi ci ha governato in precedenza; la prolissità delle dichiarazioni del Leader della Lega ed il pensiero ondivago del Movimento 5 Stelle hanno accentuato la diversità con la tecnica del silenzio adottata da Draghi.

“L’Italia di oggi (secondo Federico Fubini, Corriere della Sera 3 Febbraio 2021), è un vaso di coccio, inserita in un altro vaso di coccio che è l’Europa, in mano a politici di coccio, nel senso che non capiscono, si affidano a poche fasulle certezze ((c’è ancora tempo per presentare il PNRR mentre guai ad arrivare nel gruppo di coda (bisogna consegnare tuuto a Bruxelles entro il giorno 15 Aprile), pena la perdita della rata del 13% di Giugno 2021, il  Next Generation EU è in se sufficiente e non è vero)) mentre il resto del Paese vive una transizione drammatica”; che questo ceto politico viva un deciso ridimensionamento, secondo alcuni commentatori un commissariamento per l’incapacità di esprimere una maggioranza parlamentare, senza eccezione alcuna, tale da fargli parlare di crisi di sistema, è logico e conseguente; i margini di manovra della Politica saranno ancor più ridotti di quanto i Leader politici si ostinino a tentare di far credere.

Per Ernesto Galli della Loggia, (Il sapere che serve in Politica, Il Corriere della sera, 5 Febbraio 2021), “Quanto sta accadendo in questi giorni (qualcosa che somiglia ad una tregua, una sospensione delle ostilità) mostra ancora una volta la pochezza, la mancanza di coraggio e di visione, l’indecisione, l’inconsistenza politica dell’universo partitico italiano”; se la Politica volesse fare un salto di Qualità, questo sarebbe il momento di mettere davvero al centro il Bene Comune: investimenti sì, soldi dati a pioggia no.

L’intero ceto politico, preso atto del proprio fallimento politico, come ribadito ancora da Sergio Fabbrini sul Sole 24 Ore di Domenica 7 Febbraio 2021, è in preda ad una grave forma di depressione e confusione che non consente la elaborazione originale di iniziative; cambia parere diverse volte in ragione di settimana, naviga in balia di avvenimenti dei quale l’opinione pubblica raziocinante avverte gli esiti meglio, prima e di più dei mestieranti mestatori; mentre la incipiente crisi di sistema, salvo ormai improbabili incidenti, naviga verso la soluzione; dispiace, quindi, constatare che, sul serio o per apparenza, “nel sostanziale commissariamento dei partiti che il Quirinale ha messo in atto incaricando Mario Draghi”, non tutti i partiti reagiscano nello stesso modo (Michele Serra, l’Amaca, la Repubblica 5 Febbraio 2021).

Sintomatica l’opinione di Gianfranco Rotondi (Un plauso alla disfatta, Repubblica, 5 Febbraio 2021): “Draghi è una figura provvidenziale, ma rappresenta anche la nostra sconfitta”.

“Nel dibattito sul Governo tecnico ed il fallimento politico, insisto nel dire che semmai c’è il fallimento di questa Politica” (Emma Bonino).

Sull’Italia erano puntati, “con comprensibile preoccupazione, gli occhi dell’Europa: ciò che era ben presente al Capo dello Stato”.

“L’Italia ha, invece, bisogno di stabilità, di Riforme radicali, di relazione diretta tra elettori ed eletti” “La solitudine delle persone isolate a casa propria richiederebbe che ci fosse più Politica e non meno, più proposta che polemica, più decisione che annuncio”.(Walter Veltroni, La somma delle solitudini di un’epoca travagliata, Corriere della Sera, 2 Febbraio 2021).

Ecco che le antenne più recettive cominciano a registrare inversioni di tendenza: adesso sono le comunità che cercano élite capaci di tirarle fuori dai problemi che le affliggono: le richieste, vestite in genere di novità, sono invece sempre le stesse: c’è una élite nazionale capace di guidare il Paese verso la ripresa? serve il sapere, serve la capacità di farsi percepire come idonei ad interpretare l’interesse generale, serve saper farsi vivere come pronti a mettere le proprie skills. al servizio della collettività, serve essere capaci e volersi sporcare la mani; serve la voglia di partecipare a quei duri combattimento e lotta che sono la sostanza della Politica in Democrazia.

Esistenza e disponibilità dei vaccini, Presidenza USA di Biden, Brexit ordinata sono i tre fattori che contribuiscono a rendere il quadro meno fosco di quanto non fosse a fine Ottobre dell’anno 2019, ci sono forti attese per il 2021, anno che si spera che sia quello della ripresa..

Bisogna, però, ancora, fare i conti con la constatazione che i gruppi di interesse hanno un orizzonte limitato al proprio “interesse particolare”.

Premesso che i Politologhi ritengono che i Governi tecnici non esistono e i Governi siano tutti Politici, i  Governi si classificano sulla base di tre criteri: come si formano, qual è la loro composizione, che mandato hanno; il Governo Daghi si è formato su iniziativa del Presidente della Repubblica, è formato da una pattuglia di 15 esponenti della Politici e da 8 esponenti delle competenze ed esperienze migliori nei rispettivi ambiti, con gli incarichi strategici; la priorità assoluta dovrà essere il definire in modo rispondente a Raccomandazioni e Linee Guida il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza., velocizzando contestualmente una riduzione della Pandemia sul territorio italiano ed impegnandosi a mitigare il disagio sociale

L’Italia, seguendo la strada tracciata ancora il 2 Febbraio dell’anno 2021 dallo stesso Capo dello Stato, Sergio Mattarella, con la dolente solennità dei momenti di svolta, sta affrontando tre grandi emergenze: la Pandemia, la crisi economico finanziaria e lo stallo del Piano Nazionale di Resilienza e Ripresa, il disorientamento preoccupato e disagio di vasti strati della Società; a queste emergenze, dalla metà di Gennaio, si è aggiunta, la Crisi di Governo fino al tredici Febbraio 2021, avviluppata in un incosciente groviglio di veti incrociati, posizioni incomprensibili alla collettività dei cittadini ed alcune delle quali inconfessabili. Lo sbocco seguito alla rinuncia all’incarico esplorativo da parte del Presidente della Camera dei Deputati Roberto Fico è consistito nell’incarico di formare un “Governo di alto profilo e senza formula politica” che il Presidente Mattarella ha conferito a Mario Draghi, determinando “la rivincita della Costituzione scritta su quella deformata dalla prassi” (Michele Ainis, La rivincita della Costituzione, La Repubblica, 12 Febbraio 2021).

Reso complicato dall’esito del primo giro di consultazione del Presidente incaricato che ha constatato che tutti i Partiti, tranne uno, sono pronti a dare il loro appoggio al costituendo Governo, ancorché enunciando reciproci veti incrociati: il che complica le ipotesi di soluzioni, anche se la via apparisse tracciata.

Interessante registrare che la fine del secondo giro di consultazioni evidenzia quel momento di sospensione dei conflitti più tattici ed un compattamento, magari con riserve mentali non espresse,  da parte dell’intero  Gruppo Dirigente politico e partitico con l’eccezione di Fratelli d’Italia.

A chi scrive piace pensare che Mattarella abbia dato a Mario Draghi l’incarico di formare il nuovo Governo pensando all’Einaudi del Piano Marshall.

Questa importante iniziativa proietta sul nuovo Presidente del Consiglio una constatazione: solo un Piano Nazionale di Resilienza e Ripartenza realizzato in conformità delle più recenti Indicazioni, Raccomandazioni e Linee Guida della Commissione Europea (che entri nei dettagli operativi delle  Misure con relativo crono programma ed indicazioni sulla Governance, che impedisca la possibilità di usi superflui, clientelari, assistenziali magari a vantaggio di chi non ne abbia diritto e bisogno, che tenda ad attenuare le divergenze territoriali, che consenta cospicui incrementi di Prodotto Interno Lordo autoliquidanti, tali da prefigurare i possibili logici rimborsi del debito assunto dal Paese verso l’Europa, che rassicuri i nostri partners europei), realizzato da un Governo dotato di guida autorevole e maggioranza forte, potrà contribuire ad impattare positivamente sulle tre citate emergenze e consentire alla collettività di traguardare con fiducia e speranza il Futuro prossimo.

I primi segnali positivi dell’effetto Draghi: lo Spread tra BTp ed il Bund  è sceso a 91 punti base, per la prima volta dall’anno 2015 ed è prevedibile che scenda ancora dopo la presentazione del nuovo Governo; il listino di Piazza Affari è cresciuto ai massimi da dodici mesi.

Il superamento dei divari è già da anni al centro della destinazione dei Fondi di provenienza UE sul versante dei contenuti.

La Presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen rivolgendosi al Comitato delle regioni europee, ha ribadito che lo scopo principale del Next Generation EU è la riduzione dei divari economici, occupazionali, sociali tra Nord e Sud d’Europa; l’Italia deve imparare ad essere consapevole che la sua struttura produttiva ed il suo dualismo territoriale frenano la crescita e tali freni vanno risolti; parimenti, il Comitato delle Regioni Europee, su iniziativa dell’Assessore siciliano all’Economia, Gaetano Armao, ha indicato come priorità la soluzione del costo\problema dell’insularità e tra le principali ipotesi di soluzione la realizzazione del Ponte sul Mediterraneo, come approvato dalla Commissione Europea dell’Assemblea Regionale Siciliana; gli Uffici Studi di Camera e Senato, criticando aspramente la bozza del Governo, quanto alle infrastrutture ricordano che “con la Risoluzione sulla Nadef si impegna il Governo a rafforzare gli interventi a sostegno della ripresa del Sud e delle aree interne con la realizzazione di infrastrutture materiali”, nonché “la realizzazione di corridoi di mobilità intermodale per le merci e le persone ad alta velocità ferroviaria sull’asse Nord Sud, Est Ovest ed Isole, assicurando il completamento delle reti trans europee di trasporto (Ten- T); compresa un’infrastruttura stabile e veloce capace di estendere l’Alta Velocità a Palermo ed ad Augusta.

Per ribadire con i fatti il grande interesse della Commissione alla realizzazione del Ponte sul Mediterraneo, nelle nuove Linee Guida per il PNRR, per confutare la posizione del precedente Governo, secondo la quale il Ponte non si poteva inserire nel novero dei Progetti perché si sarebbero potuti inserire solo Progetti pronti entro l’anno 2023, è stato prorogato il detto termine all’anno 2025.

Negli anni 2002 e2009 si sono celebrate due cerimonie di “Posa della prima pietra” dell’Opera Ponte sullo Stretto, progettata, finanziata, tecnologicamente periodicamente aggiornata, sismaticamente sostenibile, aggiornata anche sotto il profilo delle analisi Costi\Benefici; auspicabile che adesso si decida davvero di Facere questo e quanto altro serva a realizzare il Corridoio Europeo Augusta Berlino.

Chi scrive si augura che la mancanza nel nuovo Governo di Ministri siciliani non sia linguaggio\messaggio e non diminuisca la capacità italiana di contribuire a questa importante realizzazione ed agli altri importanti investimenti da realizzare nel Mezzogiorno, con l’obiettivo di restringere la forbice della diseguaglianza territoriale.

Che gli squilibri territoriali ancora esistenti frenino la Crescita dell’intero Paese è dimostrabile tramite la analisi dei numeri che seguono.

Ventuno milioni di abitanti, sei milioni di occupati, sommando compreso, molto meno di un abitante su tre, a fronte dei dati del Veneto che registra un occupato ogni due abitanti; serve in termini di risoluzione dei divari, arrivare ad occupare altri tre milioni di abitanti del Mezzogiorno dei quali circa 900.000 in Sicilia (Dati Svimez).

Nel favorevole quadrienno di espansione 2015\2018 il Valore aggiunto totale tedesco è cresciuto del 7,7% mentre quello italiano soltanto del 4,9%, un valore negativo del ben 2,8% in quattro anni; a cosa dovere questo risultato negativo? Una attenta analisi del dato consente di capire che la principale causa del nostro valore di crescita inferiore rispetto a quello della Germania  risiede nei divari territoriali; difatti il Nord è cresciuto del 6,3%, il Centro è cresciuto solo del 3,6%, il Mezzogiorno di un misero 2,7%, 5 punti percentuali in meno della Germania; il che vuol dire che questi divari territoriali devono essere aggrediti tramite Visione e Progetti della prossima edizione, urgente del PNRR, ove Visione significhi individuare un Progetto, assistito da un preciso crono programma di attuazione e Progetto non può che essere quello di incrementare la crescita quanto più omogenea possibile ancorchè combinata con coesione sociale, in tutte la aree del Paese, di efficentarsi tramite cantieri, grandi Opere ed Infrastrutture ed innovazione e miglioramento dell’Ambiente con l’obiettivo di utilizzare questa strada per contribuire in modo determinante al rientro del deficit\debito. L’esame dei dati del Valore aggiunto, però, evidenzia anche che mentre nel Nord il settore privato è cresciuto con numeri superiori alla Germania, nel settore pubblico il contributo alla crescita è stato negativo.

Dalle discussioni interne all’ECOFIN è emersa la necessità di migliorare ulteriormente la combinazioni tra Riforme ed Investimenti; ancora il 22 Gennaio 2021 Bruxelles ha aggiornato le Linee Guida per il PNRR insistendo sulla necessità di approvare le Riforme e lavorare su crono programma e governante dei processi.

Il Presidente del Parlamento Europeo, Davide Sassoli, ha in varie occasioni ricordato all’Italia che esiste uno strumento di consulenza tecnica per i Recovery plan nazionali che l’Italia fino ad ora non ha utilizzato.

Le critiche che la pubblica opinione riferisce alla versione di Piano fino ad ora resa nota consistono nella mancanza di dettagli relativi ai Progetti, nella mancanza degli strumenti, del cronoprogramma, dei costi e degli impatti sul PIL e sull’occupazione, sulla mancanza di una Visione strategica di Politica Industriale; inoltre mancano indicazioni su una strategia relative alle Riforme prioritarie in tema di  Giustizia (indispensabile spezzare il circuito del conflitto Politica\Magistratura, riformare il CSM, riaffrontare il tema prescrizione), Pubblica Amministrazione (Professor Aldo Sandulli: Per usare a pieno i Fondi del Next Generation EU servono regole derogatorie rispetto alle attuali; l’attualizzazione del Codice degli Appalti Pubblici, applicando il Codice UE, il modello Genova?; soppressione dei controlli preventiviedeccessi di responsabilità a carico dei decisori, a), Fisco (Rimodulazione degli scaglioni in direzione più progressiva,  Per rispettare i propri impegni con il fisco ogni impresa impiega 238 ore ogni anno) ed Occupazione (con focus su Giovani, Donne, Mezzogiorno, nuovi strumenti ad hoc).

Appunti di lavoro per il nuovo Governo, quando, speriamo prestissimo, metterà mano al Piano Nazionale per la Ripresa e la Resilienza..

Il Commissario Europeo Paolo Gentiloni si è sbilanciato dichiarando: “Finalmente si vede la luce in fondo al tunnel.”

Nella direzione della necessità del Paese di essere governato, in questo frangente da una Istituzione nella pienezza dei suoi Poteri e sorretto da una maggioranza forte e solida si è espressa l’ex Ministro Elsa Fornero (Perché ci serve un Governo forte, La Stampa, 1 Febbraio 2021); secondo l’opinionista serve fare Politica, non giocare cinicamente alla politica (ma no!); bisogna dimostrare alla Commissione Europea ed anche alla collettività di cittadini “la direzione di marcia che, con i nuovi Fondi, si intende imprimere al Paese; serve passare dal generale allo specifico, dai titoli e principi ad una agenda scandita da scelte condivise, azioni dettagliate, tempi definiti e compatibili con le Raccomandazioni ricevute dall’Unione Europea, compresi i contenuti delle determinanti Riforme Strutturali; infatti i Fondi saranno erogati solo a fronte di realizzazioni di investimenti ed a stati di avanzamento e di Riforme di dimostrabile efficacia ed efficienza. 

Gli Investimenti dovranno driblare infiltrazioni criminali (lo Stato dispone di un armamentario capace di combatterle e vincerle, quando vuole), incurie, inefficienze e dissipazioni in settori ed attività decotti e concentrarsi in attività capaci di far aumentare realmente il potenziale di crescita.

Le Riforme, investimenti sociali, devono squizare il rischio di inefficacia e correggere ciò che non ancora bene funziona nei comportamenti di Istituzioni, Cittadini, Imprese, Mercati, obiettivo finora quasi sempre mancato, come ad esempio Scuola ed Università e Lavoro si sono incaricate di dimostrare. Serve una Visione che si sostanzi in scelte condivisibili e condivise nelle quali sia agevole per la collettività identificarsi. Affermazioni queste, condivisibili prescindendo dall’opinione sulla attività da Ministro.

Secondo l’ex Ministro Giovanni Tria, poiché l’Italia è importante per l’economia complessiva europea, ha ricevuto una importante porzione dell’intero pacchetto di aiuti del Next Generation EU; ma l’aiuto va cercato nelle Riforme che ci vengono richieste più che nelle importanti risorse finanziarie offerte; l’importante è avere chiaro che le Riforme richieste dal Next Generation EU toccheranno forti e consolidati interessi corporativi ed è facile che il progetto surrettizio, da sconfiggere assolutamente, sia di stampo gattopardiano; poiché il problema sta nel surplus commerciale molto ampio, un risparmio che non trova la voglia, la serenità e la strada per diventare investimento a causa degli irrisolti lacci in tema di Giustizia, Fisco, Pubblica Amministrazione; la realizzazione di queste Riforme dovrà essere precipuo compito del nuovo Governo all’interno della presentazione della nuova versione del Piano Nazionale di Resilienza e Ripresa.

Il Presidente di Intesa San Paolo ha individuato quale ruolo delle Banche per il Futuro prossimo quello di saper convogliare l’enorme quantità di risparmio accumulatasi negli ultimi mesi verso investimenti produttivi a vantaggio di quelle imprese con progetti validi che hanno assoluta necessità di risorse.

Appena il giorno 2 Febbraio, l’ex Ministro Enrico La Loggia ha dichiarato che servirebbe ribaltare l’attuale rapporto 66%\34% per gli investimenti in Opere Pubbliche tra Centro Nord e Centro Sud ed inserire nel PNRR la realizzazione del Ponte del Mediterraneo per contribuire a realizzare una ttenuazione degli intollerabili ed ingiusti squilibri territoriali. 

Il Governatore della Banca d’Italia, Vincenzo Visco, invia al Paese un messaggio di fiducia: “Se si riuscirà a tornare su uno stabile sentiero di crescita, l’incidenza del debito sul Prodotto Interno Lordo potrebbe scendere rapidamente dal picco raggiunto a causa della crisi”

Per riuscire ad esorcizzare il ritorno in Europa dei sostenitori di una austerità basata su rigidi criteri numerici e pesanti condizionalità,: il nuovo Governo, europeista (Europa, spazio ragionevole per la civiltà e casa comune per coloro che vogliano abitarla dopo aver accettato i principi dello Stato di Diritto, Fernando Aramburu), atlantista, antidepressivo (Mario Draghi), dovrà dimostrare di aver fatto proprio il proposito fondativo del Next Generation EU: fare investimenti e riforme serie, con proposte chiare e dettagliate, con tempi certi, a favore delle prossime generazioni di cittadini europei.

Per il Presidente Mario Draghi, il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza va riscritto “per convertire la depressione di quest’anno e mezzo delle persone, in vitalità”. “I finanziamenti europei del Next Generation EU sono frutto della prima mutualizzazione di debito a livello europeo e dunque vanno spesi bene non solo per responsabilità verso i nostri cittadini ma anche verso i nostri partners europei”; per quanto attiene alle competenze della futura squadra di Governo, Mario Draghi ritiene che “non è solo una questione di nomi, ma soprattutto di quello che le persone sanno fare”

Il Governo Draghi, con il suo portato di consenso popolare stimato in misura superiore al 60% dai sondaggi,  dovrà affrontare presto, su questo tema, alcune irrisolte questioni:

come e con quale Visione, realizzare le indispensabili ed improcrastinabili Riforme Strutturali richieste dalla Commissione Europea evitando di restarvi impigliato?

come dividere e con quali compromessi tra Centro Nord e Mezzogiorno le risorse destinate dal Next Generation EU alle riduzioni dei divari territoriali, rispettando le Linee Guida indicate dalla Commissione Europea, rispondendo alla richiesta del Presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini, come pure del Presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, che la coesione sia la priorità del PNRR; come pure della Svimez che chiede che il PNRR serva a costruire un “sistema del Mezzogiorno” che metta in rete Porti meridionali, ZES, e li colleghi con l’Alta Velocità ferroviaria nazionale tramite l’attraversamento stabile dello Stretto di Messina?

come ottenere in via di fatto che i Fondi europei vengano considerati davvero quali addizionali rispetto a quelli nazionali, evitando in tal modo in modo ineludibile che si sostituiscano alla spesa pubblica nazionale per investimenti?

come gestire il complicato rapporto tra Governo ed Amministrazioni Regionali e Comunali?

come fare per ripristinare l’operatività dell’ascensore sociale?

come far corrispondere attività di Governo e necessità sociali dei cittadini?

dovrebbe inoltre rispondere ad alcune sentite esigenze:

dovrebbe avere, come pare che abbia una squadra di Ministri esperti ed indipendenti, all’altezza dell’importante compito che li attende;

dovrebbe sapere come fare a far funzionare correttamente la Democrazia Liberale Popolare Rappresentativa dopo il taglio del numero dei Parlamentari;

dovrebbe rendere comprensibile e condivisa la Visione, le Scelte, la Governance e l’Execution, Crono programma compreso, del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, in tempi quanto più è possibile brevi, dando alla collettività conto del convincimento che senza una strategia definita per il Mezzogiorno d’Italia la ripresa auspicata dall’Europa non potrà mai verificarsi.

Strategia della quale Augusta, Porto Hub del Mediterraneo, perimetrale ferroviaria siciliana ad Alta Velocità\Capacità, Ponte del Mediterraneo, Reggio Calabria Salerno ad Alta Velocità\Capacità sono parte integrante ed imprescindibile, in funzione dell’accensione del secondo motore economico d’Italia; senza il Ponte su Mediterraneo non sarà possibile per i porti siciliani (Augusta dirimpettaio del Canale di Suez) avere un ruolo nelle dinamiche della grande portualità internazionale, anche per evitare inquinamento, costi e tempi dell’attraversamento navale dello Stretto di Gibilterra per arrivare a Rotterdam, portare ad efficacia ed efficienza la Calabria, da alcuni definita l’Amazzonia d’Europa.

Il 13 Febbraio 2021 il Governo Draghi, Governo di unità nazionale, dotato di ampia maggioranza, costituito da 23 Ministri per lo più di alto livello, 8 Tecnici e 13 Politici, 13 Uomini ed 8 Donne ha giurato alla presenza del Capo dello Stato, Sergio Mattarella: auspicabile che tutti, indipendentemente dalle provenienze decidano, da quel giorno ed in quella funzione, in ottica di Bene Comune Nazionale, nel rispetto della Democrazia Liberale, Popolare, Rappresentativa e della Costituzione.

Chi scrive si augura che nella nomina dei Vice Ministri e Sottosegretari sia possibile allargare la rappresentanza del consenso al Governo includendo alcuni Partiti che, per le loro posizioni storiche ed efficienze dimostrate,  lo avrebbero meritato e non è stato possibile fin qui rappresentare.

“Il nuovo Governo dovrà puntare sulla sostanza, sulle discussioni politiche che devono essere intraprese”, Carlo Cottarelli, la Repubblica, 5 Febbraio 2021.

Il Vero compito del Governo sarà contribuire fattivamente ad ottenere di contenere il disagio sociale, a combattere la guerra contro la Pandemia ed a spendere così bene i fondi europei da attivare almeno cifre equivalenti di investimenti privati tali da generare un volano virtuoso, sapendo che le eccezionali riconosciute qualità del Presidente del Consiglio sono necessarissime ma non sufficienti; indispensabile un’assunzione collettiva di responsabilità.

A questa assunzione collettiva di responsabilità vuole, in questo delicato e decisivo momento del Paese, contribuire a dare una risposta positiva il Partito Insieme, che si definisce un cantiere aperto verso la costruzione di una forza politica con l’uomo al centro, con Valori, Visione, Etica e Cultura, con attenzione incentrata sul Bene Comune, con idee sulle cose da fare e sull’execution, con la partecipazione concreta di molti, con sguardo di speranza rivolto tanto al presente quanto al Futuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.