Mafia, 7 arresti per la “nuova Cupola”: in manette anche il nipote di Michele Greco

Condividi

La Dda di Palermo ha emesso un decreto di fermo nei confronti di 7 persone accusate di far parte della ricostituita Commissione di Cosa nostra. Il progetto di ridare vita alla Cupola era stato scoperto a dicembre e aveva portato al fermo di 47 tra boss e gregari.

Tra i fermati di oggi ci sono due personaggi con cognomi noti: Leandro Greco, nipote del ‘papa’ di Cosa Nostra Michele Greco, e Calogero Lo Piccolo, figlio del boss ergastolano Salvatore Lo Piccolo: entrambi avrebbero partecipato alle riunioni della Commissione provinciale.

Leandro Greco, 29 anni, si faceva chiamare come il nonno. Il padre Giuseppe, invece, morto negli anni scorsi, aveva interrotto la ‘tradizione’ familiare e faceva il regista. Del ‘Papa’ si ricorda l’augurio, che suonò come una minaccia, fatto da dietro le sbarre dell’Ucciardone alla corte d’Assise che doveva decidere il maxiprocesso.

I fermi sono scattati anche grazie a due nuovi pentitiFilippo Colletti, capomafia di Villabate fermato il 4 dicembre dai carabinieri con l’accusa di far parte della nuova commissione di Cosa nostra, e Filippo Bisconti, al vertice del mandamento di Belmonte Mezzagno finito anche lui in manette nella stessa indagine. Colletti e Bisconti hanno rivelato ai magistrati il loro ruolo di vertice dei ‘mandamenti’ di Villabate e Belmonte Mezzagno.

Leggi anche:  Vaccino Covid-19, Pfizer: efficace al 95 per cento

Entrambi hanno inoltre confermato la riorganizzazione della Commissione provinciale di Cosa nostra svelando le dinamiche interne alla stessa e hanno fornito elementi importanti a carico di Leandro Greco, Calogero Lo Piccolo e Giovanni Sirchia.

Tra i fermati anche Giovanni Sirchia, affiliato alla famiglia mafiosa di Passo di Rigano: secondo le indagini è colui che si occupava di consegnare ai boss le convocazioni per i summit. In cella anche Giuseppe Serio, Erasmo Lo Bello, Pietro Lo Sicco e Carmelo Cacocciola ai quali è stato contestato il reato di associazione mafiosa e alcuni episodi di estorsioni commesse nel territorio del mandamento mafioso di San Lorenzo.

“Soddisfazione per l’ennesima brillante operazione della DDA che ha permesso di assicurare alla giustizia esponenti di spicco di Cosa Nostra e gratitudine per uomini e donne dei Carabinieri e della Polizia di Stato” sono state espresse stamani dal Sindaco di Palermo, Leoluca Orlando.

Il primo cittadino ha anche sottolineato che, “per garantire libertà e democrazia alla nostra comunità, è indispensabile continuare nell’azione di contrasto della criminalità organizzata, sia sul versante militare, sia su quello – più subdolo ma non per questo meno pericoloso – del suo potere economico”

https://www.ilmattinodisicilia.it/wp-content/uploads/2019/01/leandro-greco.png

One thought on “Mafia, 7 arresti per la “nuova Cupola”: in manette anche il nipote di Michele Greco”

1 Pingbacks

  1. […] “Una guerra di logoramento che permetterà di sradicare la mafia a Palermo nel giro di qualche anno”. Il procuratore aggiunto alla direzione distrettuale antimafia del capoluogo siciliano, Salvatore De Luca, intervistato dal quotidiano nazionale Il Sole 24 ore, fa il punto sulla situazione della lotta a Cosa nostra. Il magistrato ha firmato le ultime due inchieste sulla mafia palermitana, in particolare Cupola 2.0, e, nel giro di sei mesi sono stati individuati e arrestati i componenti della nuova Commissione provinc…. […]

Write a Reply or Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *