Lunghe code agli sportelli e organico carente: Poste Italiane nel caos in Sicilia

Lunghe code agli sportelli e organico carente: Poste Italiane nel caos in Sicilia
30 dicembre 2018

Lunghe code agli sportelli, carichi di lavoro sempre maggiori e organico carente: è la situazione in cui versa Poste Italiane in Sicilia. Proprio per questo la Cisl Poste chiede più personale stabilizzando i precari e il passaggio dei lavoratori part-time a tempo pieno. Il settore recapito e logistica soffre di grande disorganizzazione che comporta inevitabilmente disagi per l’utenza. E senza servizi postali efficienti l’Isola non si muove.

Giuseppe Lanzafame,segretario regionale della Cisl Poste

A stigmatizzare con toni forti questa situazione è il segretario regionale della Cisl Poste Giuseppe Lanzafame. “I  lavoratori  – afferma il sindacalista –  non ce la fanno più. Non possiamo più aprire gli Uffici Postali con le poche risorse rimaste  e  non possiamo più recapitare la posta, le raccomandate, gli atti giudiziari e i pacchi in queste condizioni. Basta con questa politica dei tagli. I lavoratori sono fisicamente sfiniti e non reggono più questi ritmi di lavoro. Basterebbe stare accanto a loro per capire. Non si può gestire un’azienda in Sicilia con sistemi e monitoraggi virtuali che asseriscono, addirittura, l’eccedenza di personale. Il popolo postale, quello rimasto, rischia di “sbagliare ogni giorno” e, per questo motivo, incorre inevitabilmente in sanzioni disciplinari e anche patrimoniali. Oltre il danno la beffa. Tutto questo è a conoscenza della dirigenza, ma non importa a nessuno dello sfortunato di turno (naturalmente il lavoratore) costretto a pagare. Anzi, chiedono sempre di più. Tutto è diventato precario, senza una seria organizzazione, lasciato all’improvvisazione, all’anarchia”.

“Naturalmente – spiega il segretario regionale –  parlare dei diritti sanciti dal contratto e dagli accordi sottoscritti, diventa un’utopia. Dal rispetto dell’orario d’obbligo alla sicurezza sul lavoro; dalla dignità calpestata alla conflittualità nei posti di lavoro; dal lavoro precario dei contratti dei tempi determinati al ricatto costante per tutta la categoria; abbiamo una sola certezza: accompagnare sempre più lavoratori in pensione,  che sono 800 nell’anno 2018”.

“Cisl, Cgil, Uil, Failp Confsal e Ugl in Sicilia – conclude il sindacalista – sono stati, ancora una volta, costretti alla dichiarazione di sciopero di prestazioni straordinarie, ancora in atto, fino al 6 gennaio 2019, per le citate motivazioni e non solo. E i servizi da erogare al cliente? Non importa se si attendono ore ed ore per essere serviti, ad esempio, presso l’Ufficio Postale. La tecnologia tanto sbandierata non sempre sostituisce il lavoratore”.



Leggi anche

Commenti