Mafia, nel 2018 record di sequestri e confische in Sicilia

Condividi

Record di sequestri e confische nel 2018 in Sicilia. Nell’Isola sono stati confiscati 5571 beni nel corso del 2018. Sono invece 6117 quelli destinati. Sono alcuni dei dati forniti dall’Agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata.

Tra le aziende confiscate spiccano quelle nel settore edile, sono 288. Mentre le aziende di commercio ingrosso-dettaglio, riparazione veicoli, beni personali e casa sono 157. Passate in mano allo stato 91 aziende di servizi pubblici, sociali e personali. Confiscate 67 aziende agricole, caccia e silvicoltura. 61 le attività immobiliari, noleggio, informatica, ricerca, servizi alle imprese. 56 le imprese confiscate nel settore Trasporti, magazzinaggio e comunicazioni. Sono 45 gli alberghi e ristoranti finiti in mano allo Stato. 
Solo nel 2018 in Sicilia sono stati affidati 1003 immobili e 14 aziende.

Un anno da record dunque per sequestri e confische di beni dei mafiosi. Il metodo studiato negli anni ‘80 da Giovanni Falcone, quello di seguire il denaro, e soprattutto quello di Pio La Torre, sull’aggressione ai beni delle cosche, continua a dare risultati. La criminalità organizzata siciliana è sempre attiva nell’economia. Niente spari, solo affari. Così la mafia continua ad infiltrarsi negli appalti pubblici grazie alle aziende da controllate. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.